Spirulina: diffidare dalle imitazioni. La migliore è quella italiana

La Spirulina è stata nominata nel 2008 dalla FAO “alimento del futuro”, poichè ricchissima di proteine (oltre il 60% in peso secco), di acidi grassi essenziali, come gli Omega 6, e di vitamine. Non contiene iodio e ci dona ferro, potassio, zinco e magnesio. È un vero superfood e le sue proprietà funzionali sono consolidate scientificamente: la Spirulina, infatti, agisce nei processi antiinfiammatori e fornisce valutabili e interessanti vantaggi sul metabolismo. La sua produzione risulta inoltre essere ecosostenibile e a basso impatto ambientale.

Purtroppo, ci sono stati episodi in cui la Spirulina è risultata essere contaminata da metalli pesanti come arsenico o piombo, e da tossine prodotte da altri cianobatteri, come le microcistine, che hanno effetti tossici sul fegato e sul sistema digestivo.
In questi casi è stato riscontrato che i lotti di Spirulina contaminata provenivano da zone di produzione a scarso livello di sicurezza alimentare, come Cina e India, paesi in cui le norme di igiene prevedono standard molto bassi, aumentando il pericolo per il consumatore finale.

Per evitare di incorrere in questi rischi sarebbe opportuno acquistare della Spirulina di cui sia espressamente certificata la qualità, comprovata dal rispetto di determinati livelli di sicurezza e salubrità. I lotti di Spirulina devono rientrare in valori specifici per quanto riguarda i metalli pesanti, la presenza di tossine o altre molecole indesiderate.
La qualità del prodotto finito parte dalla fase di produzione: il suggerimento è quello di affidarsi alla produzione locale. Sono infatti molte le realtà italiane emergenti che producono e commercializzano ottima Spirulina, seguendo gli opportuni parametri e le dovute norme di sicurezza. Gli standard di salubrità della produzione in Italia sono elevatissimi. Il valore aggiunto poi, è quello del made in Italy, una garanzia di qualità imbattibile.

Ricorda sempre: leggi prima l’etichetta di quello che desideri acquistare per una scelta consapevole e priva di rischi!

Seguici e metti like:

2 Risposte a “Spirulina: diffidare dalle imitazioni. La migliore è quella italiana”

  1. David manga dice: Rispondi

    Buongiorno Io assumo Spirulina da circa 6 mesi senza aver nessun beneficio Anzi continuo a sentirmi stanco spossato affamato praticamente in pessima forma assumo spirulina italiana. Qualcuno può darmi un consiglio Grazie

    1. Spirulina News dice: Rispondi

      David perdona il ritardo nella risposta!
      Hai provato a cambiare il tipo di Spirulina che usi?
      Bisogna fare attenzione alla provenienza di quello che acquistiamo!
      Noi consigliamo di scegliere la Spirulina italiana che, coltivata artigianalmente nel rispetto dei più alti standard di igiene e sicurezza, garantisce il mantenimento di tutte le proprietà nutrizionali della Spirulina. Recentemente abbiamo scoperto la Spirulina Italiana Livegreen, buonissima! 😉

Lascia un commento