La Spirulina tra gli ingredienti dei “menù del futuro”

Da un articolo de “Il Sole 24 Ore”, è emerso che a Valdobbiadene, la città del trevigiano famosa per il prosecco, si studiano “i menù del futuro”. Merito di InfoodLab, start-up del cibo innovativo che guarda da un lato alle imprese del settore alimentare del territorio che, per le loro dimensioni medio-piccole, non possono permettersi di fare ricerca e sviluppo di nuovi prodotti in proprio, e dall’altro alla scuola, perché InfoodLab sarà anche la sede dove gli studenti dell’Istituto Professionale Dieffe di Valdobbiadene potranno fare esperienza (oltre alle ore in aula è infatti previsto il lavoro sul campo).

Infoodlab è una start-up di giovani imprenditori, un vero e proprio “incubatore” di menù. Ci sono due due donne, Giulia Tramet, 26 anni, project manager di ritorno a Valdobbiadene dopo tre anni a New York, ed Elisa Bustreo, 34 anni, che si occuperà di amministrazione. Con loro Francesco Cappelletto, 36 anni, Food innovator, con una laurea in Scienze e tecnologia alimentare e una decennale esperienza di ingredientistica alimentare, oltre a una predilezione per tutto ciò che è il mondo salutistico, vegetale e naturale.

“Basta guardare ai termini più usati su google – spiega Francesco Cappelletto – per trovare un mercato in grande crescita. La spirulina, ad esempio, è un’alga dalle proprietà interessanti, ricca di vitamina B, sali minerali e ferro, ma ha un sapore difficile, occorre trovare la giusta formula per inserirla nei cibi. E il nostro progetto punta a definire prodotti buoni, oltre che sani e naturali: una chiave di successo accessibile a molte aziende”.

Nel menù dell’inaugurazione di Infoodlab c’erano i cracker alla curcuma (antiossidante) con caviale di mangostano (antiaging, antinfiammatorio), il barbacracker (alla barbabietola, antiossidante) con ricotta di canapa e datteri, il currygriss (grissino al curry con intingolo di yogurt di riso e pepe rosa, digestivo e antisettico), la cialdapolla (cialda di cipolla) e lo spirugriss alla spirulina da intingere nella confettura di limone e tarassaco (depurativo, tonico, digestivo e diuretico).

Infoodlab vuole creare prodotti innovativi in collaborazione con le aziende dell’eccellenza agroalimentare italiana, utilizzando super ingredienti salutari e ricchi di proprietà nutrizionali come la Spirulina. Qualche richiesta di collaborazione è arrivata anche dagli USA.

Stiamo a vedere che ruolo avrà la Spirulina in questa interessante realtà innovativa.

 

Fonte: http://barbaraganz.blog.ilsole24ore.com/2017/11/02/barbacracker-cialdapolla-e-spirugriss-a-valdobbiadene-nascono-i-menu-del-futuro/?refresh_ce=1

Seguici e metti like:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *